Un patto con Melara

Siamo consapevoli che negli scorsi cinque anni abbiamo molto lavorato per i cittadini ma forse poco con i cittadini. È stata una mancanza e vogliamo per questo dare un forte segnale di innovazione oltre che di discontinuità, affinché i cittadini si sentano parte attiva dell’amministrazione è fondamentale attivare canali basati innanzi tutto sulla partecipazione, l’ascolto e la condivisione.

Giovedì sarò a Melara al 17.30 per incontrare i nostri cittadini e ragionare con loro sul più importante progetto di riqualificazione di Trieste.
Stiamo partecipando a un bando per finanziare la riqualificazione di Rozzol-Melara con un progetto che vale 15 milioni di euro.

Da cosa è composto questo progetto?

  • Riqualificazione ambientale ed energetica del quadrilatero
  • Installazione di telecamere per garantire la sicurezza
  • Ristrutturazione delle passeggiate interne e degli spazi coperti per ospitare nuove attività sociali, culturali, lavorative
  • Sistemazione del parco di Villa Revoltella, del grande parcheggio antistante e degli attraversamenti pedonali
  • Creazione di un percorso pedonale protetto lungo le vie Mayer e Castiglioni, verso il quadrilatero, e di un percorso pedibus tra le scuole e le strutture ricreative del quartiere
  • Allestimento di un’area giochi per le scuole e il ricreatorio
  • Sistemazione dei marciapiedi lungo le vie Marchesetti e Forlanini e realizzazione di una rotatoria al loro incrocio

Parliamone assieme!

patto_con_melara

Pierluigi Barbieri, nuovo assessore all’ambiente: il nostro “patto” di garanzia con i Servolani e i Triestini

13428503_1311940502152926_7911782644743598263_nUn nome, la nostra garanzia: Pierluigi Barbieri.
Stiamo parlando di un’autorità sul tema della sostenibilità ambientale ed è uno dei professionisti più stimati per l’attenzione e il rigore con cui si è occupato e si sta occupando della Ferriera e di tutte le questioni ambientali che riguardano la nostra città.

Il punto è esattamente questo: quello di poter contare su una figura come quella di Pierluigi Barbieri, come garante della salute dei cittadini con un ruolo da Assessore all’Ambiente.
Essere “garanti” dell’Ambiente, a Trieste, significa soprattutto lavorare al percorso di risanamento della Ferriera di Servola.

La situazione dello stabilimento oggi è nettamente migliore agli anni dell’amministrazione Dipiazza, quando le emissioni erano 7 volte superiori.
Ma non basta.
Se progressivamente lo stabilimento non smetterà di inquinare, come già detto, l’area a caldo sarà progressivamente chiusa.

13428396_1311940622152914_7342990063456035761_nAccanto al problema della Ferriera, Trieste dovrà far fronte al problema dell’inquinamento diffuso, di recente indagato e confermato.
Non a caso ho voluto che la conferenza stampa si tenesse al Giardino Pubblico, uno dei primi luoghi dove interverremo per risolvere una volta per tutte il problema dell’inquinamento urbano che da decenni caratterizza Trieste.

Ho scelto una persona la cui autorevolezza e professionalità sono riconosciute a livello internazionale.

Queste non sono promesse elettorali irrealizzabili, sono impegni seri e concreti, presi con responsabilità e rispetto dei cittadini e della città.

Un breve aneddoto, durante il nostro primo incontro, quando gli ho formulato la proposta Pierluigi mi ha confessato: “Sindaco, te lo devo dire. Al primo turno la famiglia ha votato per te. Ma io no, ho votato per Paolo Menis e l’impegno ambientale dei 5 stelle.”

Bene, Pierluigi. Quell’impegno è il nostro. Con un patto di garanzia con Servola e Trieste.

Vi lascio un breve Curriculum Vitae di Pierluigi Barbieri,

Pierluigi Barbieri 23/11/1967
Professore associato di Chimica dell’Ambiente e dei Beni Culturali, al Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche dell’Università di Trieste, ha studiato e lavorato a Trieste, Bruxelles e a Lubiana
 Insegna chimica analitica, chimica ambientale e valutazione del rischio chimico
Consulente tecnico di ufficio della procura della repubblica di Trieste su temi di inquinamento della ferriera di Servola per i procuratori Frezza, Dalla Costa, Miggiani, Milillo 
Nominato rappresentante dell’Università di Trieste nel comitato scientifico di ARPA FVG (14/03/2016) e nel Tavolo di prevenzione ambientale e vigilanza stabilimenti industriali istituito presso RA FVG (26/05/2014)
Presidente dell’Ordine dei Chimici di Trieste, revisore dei conti del Consiglio Nazionale dei Chimici
Membro del comitato scientifico del WWF Trieste, collabora con la sezione di Trieste di ISDE-Medici per l’Ambiente
Ha collaborato strettamente con No Smog Onlus per la caratterizzazione di inquinamento atmosferico a Servola
Lavori scientifici recenti pubblicati nel 2016 riguardano inquinamento da benzene dentro e fuori le case a Servola, il controllo di odori in una discarica  a Taranto, la cattura di IPA da parte di piante per il verde pubblico a Udine 

PARTE IL TRENINO IN PORTO VECCHIO!

Un primo passo per vivere lo spazio di Porto Vecchio in modo partecipato con tutti i cittadini (e ovviamente i turisti).

Domani inaugura la prima corsa il TRAMWAY fino alla Centrale Idrodinamica!

treno

Alle ore 10, prima corsa della giornata.
Ma l’obiettivo entro ottobre è di arrivare fino a Barcola, collegando così il MARE, il CENTRO e il CARSO su rotaia.

Senza contare che in città si stanno muovendo i primi bus elettrici.
Questa è la Trieste che stiamo costruendo con voi.

Vi aspettiamo domani dalle 10 in poi!

treno1

Come si vota al Ballottaggio di Trieste?

Chi può votare

voto_chi_2016Possono votare tutti gli iscritti nelle liste elettorali residenti nel Comune con età superiore ai 18 anni, gli iscritti all’A.I.R.E. ed i cittadini comunitari iscritti nell’apposita lista aggiunta.

Quando si vota

Si vota per il ballottaggio solamente domenica 19 giugno, dalle ore 7.00 alle ore 23.00.

 

Dove si vota

voto_dove_2016Si vota nella sezione nelle cui liste elettorali si è iscritti, indicata sulla tessera elettorale. Per verificarla subito, puoi andare a questo indirizzo: http://servizidemografici.comune.trieste.it/elezioni/procedimento-elettorale/sezioni-elettorali/
Votare è semplice e veloce

 

Come votare

voto_come_2016Per votare è necessario:
• recarsi al proprio seggio
• portare un documento d’identità e la tessera elettorale
• barrare sulla scheda  il nome di Roberto Cosolini

unnamed

RENZI A TRIESTE: FIRMA STORICA PER PORTO VECCHIO!

renzi1

“Porto Vecchio è il più bel “frontemare” da recuperare in Europa”

Scontato se lo diciamo noi triestini.
Meno scontato se a dirlo è il Presidente del Consiglio, MATTEO RENZI.

La firma del Protocollo d’Intesa con il Governo oggi ha coronato il successo dell’azione concordata delle istituzioni locali e centrali.

Porto Vecchio diventa così da subito un PROGETTO DI RILEVANZA NAZIONALE e un vero e proprio laboratorio per attrarre l’interesse e gli investimenti di operatori internazionali.

renzi3

Credetemi, l’obiettivo è che ne derivi tanto lavoro per i Triestini e per i giovani in particolare, grazie agli attrattori culturali, alle imprese dell’economia del mare e del turismo, ai centri di ricerca.

E tanti spazi nuovi per la qualità della vita di cittadini e turisti.

Veduta_1 copia

SOPRALLUOGO AL PEDOCIN

IL PEDOCIN: la spiaggia più tipica di Trieste e una delle più conosciute in Italia e ora anche nel mondo grazie al recente successo a Cannes del filmL’ultima Spiaggia / The Last Resort

PEDOCIN

Oggi ero lì per verificare eventuali esigenze dello stabilimento in vista della stagione estiva.
Beh, che dire: è una struttura bellissima e curata a cui mancano solo pochi interventi. Uno su tutti, metteremo un portabiciclette all’ingresso.

Nelle scorse settimane ho ricevuto alcune segnalazioni sullo stato del parcheggio antistante, ma francamente l’ho trovato in ottime condizioni: in ogni caso ho raccomandato al gestore degli spazi esterni di assicurare una pulizia adeguata nella stagione balneare.

Direi che Trieste è pronta per un toc

FVG-BAVIERA: PRES. SEEHOFER”PORTO DI TRIESTE SCALO PRIVILEGIATO”

L’accordo firmato oggi tra Horst Seehofer, Presidente della Baviera e il Friuli Venezia Giulia è di grandissimo interesse per Trieste.

Nel mio intervento di apertura alla cerimonia ho sottolineato come il nostro porto sia sempre più attivo nei traffici con la Baviera.

E ho ricordato che, tra altro, ho conosciuto quello che poi sarebbe diventato l’attuale Commissario dell’Autorità Portuale proprio a Monaco, in occasione di un incontro con gli operatori bavaresi della logistica ai quali presentavo il nostro porto.
I TRAFFICI SONO IN AUMENTO e lo scalo di Trieste può oggi essere considerato il più interessante per la Baviera.

Inoltre la nostra città può offrire il suo sistema scientifico, la sua internazionalità e il suo grande richiamo turistico. Non a caso i flussi turistici nelle due direzioni sono in crescita costante.
I legami tra la Baviera e il nostro territorio sono forti, dunque, sia dal punto di vista storico che per quanto riguarda l’oggi. Ricordo, inoltre, che il Gruppo assicurativo Allianz, per esempio, ha la sua sede generale a Monaco ma ne ha una molto importante proprio qui.
Trieste è sempre più strategica, aperta e al cuore delle relazioni con l’Europa.

Qui il comunicato completo

50 MILIONI DI EURO PER PORTO VECCHIO

Una bellissima notizia per l’immediato futuro di Trieste: il Governo ha deciso un grande investimento di 50 MILIONI DI € su Porto Vecchio che ci consente di accelerare la riqualificazione e la trasformazione dell’area e la sua restituzione ai cittadini!

Nemmeno il mio inguaribile ottimismo mi faceva pensare che, a pochi giorni da quando abbiamo consegnato, insieme a Serracchiani, un dossier con precise proposte di investimento, arrivasse così rapidamente una risposta positiva.
È il risultato di un gioco di squadra con Debora Serracchiani,Ettore Rosato, Francesco Russo e con il Governo. Da oggi il Porto Vecchio di Trieste è una PRIORITÀ NAZIONALE e questo faciliterà anche l’attrazione degli investimenti privati!

PORTOVECCHIO

Di seguito il comunicato completo:

Giornata storica per Trieste. Così è stata commentata stamane nel corso di una conferenza stampa, la notizia che il Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) nell’ambito del piano di finanziamenti approvato ieri (1 maggio) da Palazzo Chigi, ha assegnato a Trieste 50 milioni per la rivitalizzazione del Porto Vecchio. Il Sindaco accanto al Commissario dell’Autorità Portuale di Trieste Zeno d’Agostino, dopo i doverosi ringraziamenti in primis al Governo e a tutti coloro che facendo ‘gioco di squadra’ hanno contribuito a questo importante risultato per la trasformazione di ‘un polo pulsante’ della città, ha annunciato l’avvio della prima fase di programmazione degli interventi e, nei prossimi giorni, un primo incontro pubblico con l’Advisor Ernst&Young incaricato per la realizzazione del piano strategico di valorizzazione del sito.
In sostanza, è stato detto, non si tratta di una mera operazione privata ma di una grande operazione di ristrutturazione urbana dal valore simbolico sul mercato internazionale, a dimostrazione che in Italia si può investire. Infatti sono state create le condizioni per interventi infrastrutturali che contribuiranno ad attrarre nuove crescenti opportunità di investimento in Porto Vecchio con la realizzazione dei nuovi poli culturali e della ricerca scientifica, come l’Icgeb, e insediamenti di interesse pubblico. Saranno eseguite le necessarie boniche e predisposti nuovi collegamenti viari tra il Molo VII, Barcola e il Carso per creare collegamenti via bus e rotaia con il centro storico in un’unica soluzione. E il prossimo anno cittadini e turisti si potranno recare al mare anche in treno.

TRIESTE E VIENNA: IL PATTO STRATEGICO

Vi confesso che stamattina quando ho sfogliato il Corriere della Sera e ho trovato la notizia dell’incontro con Michael Häupl, beh mi sono emozionato.

haupl

Perché è la testimonianza dell’ottimo lavoro che abbiamo fatto in questi anni per rinsaldare il rapporto con Vienna.

Lavorando su quell’anima comune di due città che per vocazione, storia e radici devono attuare non solo una collaborazione, ma un vero e proprio PIANO STRATEGICO insieme.

haupl2

In questi giorni con il Sindaco di Vienna, abbiamo firmato un protocollo di intesa tra la due amministrazioni su questi punti:

  1. conservazione dei centri storici e del patrimonio culturale (collaborando in tal senso anche per l’inserimento – con le nostre e molto affini comuni peculiarità – nel Patrimonio Mondiale UNESCO);
  2. creazione di sinergie turistiche e di eventi letterari e musicali, con un’ulteriore valorizzazione della comune “cultura dei Caffè e del vino”;
  3. cooperazione tra i porti di Trieste e Vienna, intensificando il traffico dei container e della logistica, rivalutando e incentivando la potenzialità dei collegamenti ferroviari Trieste-Vienna.

haupl3

E non vi nascondo nemmeno l’emozione quando ho visto negli occhi di Michael Häupl sincera ammirazione per la bellezza della nostra città tanto da dirmi:

“Roberto, Trieste è una città fantastica”

Sì, è fantastica e da oggi il patto Trieste-Vienna non è solo una vicinanza culturale, ma un vero e proprio piano strategico.

haupl4

INCONTRO CON DELRIO

PORTO

 

Questa mattina ero a Roma per incontrare il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio e l’ho invitato a venire a Trieste per visitare e conoscere da vicino la realtà del nostro Porto e il Porto Vecchio. Delrio ha accettato di buon grado e ha confermato che entrambi sono progetti ritenuti di interesse strategico nazionale, quindi sarà a Trieste attorno alla metà di aprile.

Durante il colloquio con il Ministro ho avuto modo di aggiornarlo sugli sviluppi più recenti relativi all’integrazione progressiva nel sistema portuale delle aree di Fernetti e Prosecco, sull’incremento dei treni in partenza dallo scalo e sul positivo e recente incontro avuto a Vienna con le ferrovie austriache e il Commissario D’Agostino.

Anche oggi Il Ministro ha ribadito l’interesse del Governo per la vocazione internazionale del nostro porto e per la capacità attrattiva dell’Alto Adriatico, in particolare per i traffici provenienti dal Far East e dal Mediterraneo orientale, diretti in Europa.

OPERAZIONE STRADE PULITE

Con bella stagione i cittadini frequentano maggiormente gli spazi pubblici gli spazi pubblici, per questo abbiamo definito una serie di azioni volte a migliorare ulteriormente il decoro urbano della città.

viadante

Circa 100 contenitori per le deiezioni canine

Un supporto concreto ai proprietari di cani, ma soprattutto uno strumento di sensibilizzazione, in una delle città italiani a più alta densità di presenza canina (circa un amico a 4 zampe ogni 10 residenti).
Stiamo posizionando in città circa un centinaio di contenitori per le deiezioni canine. I nuovi contenitori hanno iniziato ad essere posati ieri, saranno distribuiti in modo capillare in tutta la città.
In particolare saranno dotati di questi contenitori anche le seguenti strade e piazze, spesso sotto stress rispetto alle deiezioni canine: p.le Monte Re, Accessi Strada Vicentina, piazza tra i Rivi, v.le XX Settembre, via Boccaccio, riva Massimiliano e Carlotta, via dell’Università, Foro Ulpiano, via Torino, piazza Hortis, piazza S.Antonio, v.le Romolo Gessi, v.le della Rimembranza, via Slataper, via Pietà, via Baiamonti, p.le Giarizzole, via Forti, palazzo Ferdinandeo, via Cunicoli.

Aspiratori elettrici super-silenziosi

Sempre sul fronte della pulizia strade, è stata attivata da questa settimana un’altra importante novità. I 23 operatori addetti alla pulizia del centro storico, sono infatti stati dotati di 2 nuovi aspiratori elettrici super-silenziosi in grado di eliminare i piccoli rifiuti, come i mozziconi di sigaretta.

Da poche  settimane è stato introdotto sul sito di AcegasApsAmga il motore di ricerca sullo spazzamento delle strade, grazie al quale ogni cittadino può verificare in tempo reale la data della prossima pulizia su ogni strada di Trieste.

8 aprile: “No cicca Day”. Posacenere da tasca in omaggio

E proprio sui mozziconi di sigaretta in collaborazione con le associazioni di categoria dei tabaccai (Federazione Italiana Tabaccai, Confcommercio e Assotabaccai-Confesercenti), stiamo organizzando per il prossimo venerdì 8 aprile, il “No cicca Day”, una giornata dedicata alla sensibilizzazione contro la pratica, purtroppo estremamente diffusa, di gettare a terra i mozziconi di sigarette. In particolare saranno distribuiti gratuitamente a tutti i fumatori posacenere da tasca, unitamente a un’informativa sui corretti comportamenti da tenere per preservare il decoro urbano.

INCONTRO: PRIORITÀ LAVORO

Lunedì 29 Febbraio alle ore 18.30 nella sala CRAL dell’Autorità Portuale al piano terra della Stazione Marittima, parleremo di lavoro, con lavoratori, imprenditori e cittadini in un incontro pubblico.

Layout-03

Questo è per me un incontro molto importante, che sento in modo particolare, sia per la mia vita professionale, che ho dedicato in gran parte proprio ai temi del lavoro e dell’impresa, sia perché in questo periodo il lavoro è il tema più sentito, anche dai Triestini, e deve stare in cima all’agenda di qualunque amministrazione.

La crisi ha messo in discussione per troppe persone una condizione fondamentale di vita, di cittadinanza e il primo fattore di coesione sociale. E non sempre in questi anni la politica, nemmeno nel centrosinistra, ha messo il lavoro al centro della propria attenzione.

Ho governato la città negli anni della crisi più difficile con tanti miei concittadini alle prese con l’incertezza, la paura o addirittura la certezza di non avere un lavoro. E oltre ad affrontare con gli strumenti disponibili le emergenze, abbiamo dato priorità a far ripartire ciò che può creare LAVORO ovvero economia e investimenti, per creare una prospettiva di futuro ai Triestini e a Trieste .

Dopo anni difficili, i dati sul mercato del lavoro danno segnali interessanti, che dimostrano come a Trieste un avvio di ripresa occupazionale stia diventando realtà.

Ne sintetizzo i più significativi:

Gli avviati al lavoro nel 2015 crescono del 9,5% rispetto agli avviati nel 2014, sono 3300 in più, con una performance leggermente migliore del pur buon dato regionale (+8%)

– Il 2015 è il primo anno dal 2009, quando inizia la crisi, in cui il saldo tra avviati e cessati ritorna ad essere positivo

– Guardiamo poi al dato forse più interessante, ovvero il numero di avviati al lavoro a tempo indeterminato, dove il confronto tra 2014 e 2015 è notevole: 2739 indeterminati nel 2014, rispetto ai 7226 indeterminati nel 2015. L’incremento a Trieste è del 163,8%, contro una media regionale del 132,3%.

Incidono sicuramente i provvedimenti in materia di normativa sul lavoro, però i 30 punti percentuali in più si spiegano con dinamiche legate al nostro territorio, e quindi anche alle politiche locali.

Per questo voglio sottolineare i dati di alcuni specifici settori particolarmente significativi: crescono del 242,5% gli avviati a tempo indeterminato nell’industria; aumentano del 178,9% quelli nelle attività legate al turismo, il che dimostra che la politica di sviluppo turistico crea posti di lavoro, molti dei quali stabili; anche l’edilizia registra una ripresa degli avviati a tempo indeterminato, che guarda caso coincide con lo sblocco di numerosissimi lavori pubblici da parte di quella che è ormai l’unica stazione appaltante pubblica che opera con continuità: il Comune di Trieste; anche le attività legate alla logistica e al trasporto vedono un forte incremento di posti di lavoro a tempo indeterminato, superiore al 200%.

Alcune scelte che abbiamo tenacemente perseguito in questi anni, ad esempio su turismo, svolta nel porto e piano di opere pubbliche sull’edilizia, cominciano a mostrare risultati importanti, e ci consentono di guardare al 2016 con un’aspettativa di consolidamento di questa tendenza positiva.

Di questo e di altro parleremo lunedì 29 Febbraio alle ore 18.30 nella sala CRAL dell’Autorità Portuale al piano terra della Stazione Marittima, SIETE TUTTI INVITATI!